Diritto di recesso e reso

Il cliente ha facoltà di esercitare il diritto di recesso, come da normativa del codice civile. Se deciso e comunicato al venditore prima che questi abbia spedito la merce, lo scioglimento del contratto avviene come semplice annullamento dell’ordine e ha effetto immediato. Se richiesto al venditore dopo la spedizione della merce, il diritto di recesso implica un caso di reso ed è soggetto ad alcune condizioni: (a) può essere esercitato solo entro dieci giorni dal ricevimento della merce; (b) il cliente deve preconcordare col venditore ogni fase del recesso dal contratto e della restituzione della merce; (c) la restituzione della merce deve avvenire secondo modalità idonee, ovvero la merce deve essere adeguatamente reimballata e deve essere reindirizzata al venditore tramite un corriere o altro metodo di consegna tracciabile; (d) la merce deve essere restituita in condizioni perfette, pari a quelle in cui è stata ricevuta. Una volta ricevuta la merce di ritorno, il venditore ne verifica la conformità alle suddette prescrizioni e poi, in caso di verifica positiva, accetta il reso provvedendo all’emissione di un buono di acquisto di importo pari o superiore al valore dell’ordine reso, oppure provvedendo alla restituzione della somma, a scelta del cliente. Non si rimborsano le spese di spedizione e anche quelle per il ritorno dell’ordine al venditore sono interamente a carico del cliente.